Dalla Lega: gli Africani sono superiori ai Padani

5 dicembre 2010

Un esponente della Lega Nord, nel corso di un consiglio provinciale di Padova ha sostenuto l’inutilità di finanziare una competizione di «atleti africani o comunque extracomunitari in mutande».

Tutto il modo politico ha gridato al razzismo.

Abbiamo alcune considerazione da fare. Che non si tratta di espressioni razziste è dato dal fatto che, come prevede l’Art. 3 della Carta costituzionale:

Art. 3
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
Leggi il seguito di questo post »
Annunci

“Nessuno alla mia altezza”. Nuovo paio di scarpe per Berlusconi.

3 dicembre 2010

Il Cavaliere dalla sinistra figura ha comunicato da Mosca, dopo aver preso visione del regalo di Putin,: “Nessuno alla mia altezza”. La statura dell’ex svantaggiato verticalmente ora varia tra il metro e ottanta e il metro e ottantacinque (a seconda dell’umidità dell’aria). Uscendo dalla dacia di Putin, in compagnia di avvenenti traduttrici russe ha ribadito di non aver mai partecipato a festini e sbadigliando, nel ritoccarsi il fard, di non essere affatto stanco per via dei party. Della relazione con Putin non parla, appartiene alla vita privata che ognuno deve preservare dal gossip, ma, da finti vicine al Cavaliere, sembra si tratti di cosa seria, non del solito flirt.


Julian Assange: nemico pubblico numero uno! La reazione di Bin Laden

1 dicembre 2010

È dura la lotta per la leadership tra i nemici pubblici. Julian Assange per emergere ha dovuto intercettare tutte le e-mail dei diplomatici Usa sparsi nel mondo e in questo modo è riuscito a scalzare del primo posto Osama Bin Laden. Questi ha usato un videomessaggio per stigmatizzare l’accaduto e fatto rivelazioni da far rabbrividire le diplomazie di mezzo mondo. L’ex numero uno dei pericoli pubblici dice di avere prove inconfutabili sul fetore dei piedi della Hillary Clinton e afferma ancora di essere in possesso di notizie bomba sul caso Sarah Scazzi. Panico tra i criminologi.

Wikileaks, ribatte in un dispaccio di essere in possesso di notizie riguardanti estrazioni truccate del Superenalotto. Nel panico anche il mondo dello sport e dello spettacolo. Da indiscrezioni sembrerebbe che Mourinho sia stato definito “antipatico”, Ferrara “grasso”, Virzì “pelato”, la Milo “anziana”.

Riguardo a Julian Assange il ministro degli Esteri italiano ha dichiarato: «Spero che venga catturato presto e che venga interrogato» o che almeno conceda un’intervista in esclusiva alle reti Fininvest.


Uragano Wikileaks: Berlusconi ce l’ha piccolo!

29 novembre 2010

Dure reazioni nella maggioranza. Bonaiuti: “Un attacco di inaudita violenza alle istituzioni del paese”, Bondi: “Sono affermazioni calunniose per cercare di sminuire le dimensioni internazionali del Premier”. Bossi: “È inavvertibile”. Il Trota: “Piccolo cosa?”. Perplessità nelle opposizioni. Fini: “Lo sapevamo”, Casini: “Lo sospettavamo”, Idv: “Le verità emergono. Già presentata un’interrogazione parlamentare”. Bersani: “Il Premier sta gettando discredito sull’Italia. Venga alla Camera e mostri la realtà dei fatti al paese!”. “No comment” della D’Addario. Crollano le borse europee.